Riciclaggio e recupero Pile e accumulatori

RICICLAGGIO E RECUPERO PILE E ACCUMULATORI

Con il termine "pila" o "accumulatore" il decreto legislativo 20 novembre 2008, n.188, indica una fonte di energia elettrica ottenuta mediante trasformazione diretta di energia chimica, costituita da uno o più elementi primari (non ricaricabili) o costituita da uno o più elementi secondari (ricaricabili). Definito anche il termine "pacco batterie": gruppo di pile o accumulatori collegati tra loro o racchiusi come un'unità singola e a sé stante in un involucro esterno non destinato ad essere lacerato o aperto dall'utilizzatore.

L'intero comparto delle pile e degli accumulatori viene suddiviso in tre tipologie:

  1. Batterie o accumulatori per veicoli: le batterie o gli accumulatori utilizzati per l'avviamento, l'illuminazione e l'accensione;
  2. Pile o accumulatori industriali: le pile o gli accumulatori esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici;
  3. Pile o accumulatori portatili: le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati, sono trasportati a mano e non costituiscono pile o accumulatori industriali, ne' batterie o accumulatori per veicoli.

Per ciascuna di queste categorie viene prevista la raccolta separata con processi di trattamento, riciclaggio, recupero e smaltimento per evitare che le sostanze inquinanti di cui sono composte le pile e gli accumulatori possano andare dispersi nell'ambiente, danneggiandolo e danneggiando anche la salute.

RICHIEDI PREVENTIVO
MATERIALI TRATTATI
Smaltimento di Apparecchiature elettriche ed elettroniche
Riciclaggio e recupero Pile e accumulatori
Raccolta e smaltimento di rifiuti speciali
Acquisto di rottami metallici e Materiale ferroso e non ferroso
Oli vegetali
Imballaggi, carta e cartone, rifiuti misti